HomeStatutoGalleria FotograficaTesti.Midi.Mp3Repertorio CompletoLinkDesolata

 
 

  CRONOLOGIA DEGLI AVVENIMENTI DAL 1900 AD OGGI

 

 

Per non dimenticare ...

"Riprendiamoci la Nostra Storia"

Si invitano cortesemente tutti i lettori ad inviarci notizie, foto, documenti sugli avvenimenti maglianesi, per meglio ricostruire la nostra cronologia.

 

E-Mail   info@coralepadrefrancesco.it

a cura di Marco Di Girolamo  e  Luciano Dionisi

 

1900

Magliano all'alba del XX secolo appare cosi come lo avevano descritto dei visitatori eccellenti appena qualche anno prima . Il sulmontino Nicola Marcone, nel 1886: " Oggi ( il Maglianese) dal fondo delle diverse officine  lavora e manda  in commercio paste eccellenti, candele steariche e di cera, colle forti ecc. Gli stessi mestieri in quel grazioso paesello si innalzano all'altezza delle arti, perché vi si fanno l'esposizioni ...... E' una gara di lavoro, di operosità, di mutua assistenza, a cui i signori, e ve ne ha parecchi e ricchissimi , partecipano incoraggiandola con ogni maniera di appoggio.
In una parola a Magliano nessuno è in ginocchio, ma tutti in  piedi e vivi alla vita dei tempi. 

Magliano agli inizi del secolo raccontato dal Prof. Pietro Luce (leggi)

Edgard Lehar: Magliano, un paesino pulito e fiorente di millecinquecento abitanti......le strade sono pulite, le case in buon ordine e stato.     FOTO

Magliano prima del terremoto: tele dipinte da Giuseppe Di Girolamo       FOTO

  
 

Dal 1893 è parroco della Chiesa di Santa Lucia Don Vincenzo DEL MANSO, lo sarà fino al 1912

  
 

 Il Sindaco è Vincenzo MICANGELI . E' stato eletto nel 1893 e manterrà la carica  fino 1902

  
 

Nel mese di Dicembre le continue inondazioni del fiume Imele  distruggono tutti i campi

  

1901

 
  

1902

Vincenzo AMICUCCI da alle stampe un opuscolo "Comuneide" una satira sui personaggi in particolare gli amministratori comunali dell'epoca

  
 

Giovambattista SCIPIONI è il Sindaco di Magliano dal 1902 al 1906

  
 

Si gettano le basi del Consorzio di Bonifica, che dovrà provvedere alle opere idrauliche per la regolarizzazione del corso dell'Imele e del Rafia. Le opere inizieranno soltanto dopo la  prima guerra mondiale

  

1903

 
  

1904

"Il 24 febbraio 1904, alle ore 4,53 pomeridiane, un violento terremoto con epicentro Rosciolo lesionò gravemente molte case di questo centro e di Magliano"

  
 

6 Aprile - a Magliano giunge il Prefetto , accompagnato dall'Ing. Bruni del genio Civile. Ad attenderlo alla stazione è il Sindaco Giovambattista SCIPIONI  ed il Deputato Provinciale Cav. Avv. Giuseppe DI CLEMENTE. La popolazione gremisce le vie attendendo  l'ingresso del Prefetto.E' ospitato in Casa Di Clemente ove è riservato un appartamento per lui  e per il suo seguito. Mentre il Prefetto è a pranzo nuove scosse di terremoto si avvertono  e si manifestano nuove fenditure in altre case non danneggiate dalle scosse precedenti. Fra le case maggiormente danneggiate ci sono casa MORELLI, D'ALESSANDRO, DI LORENZO sicchè il nostro paese perde quel carattere pittoresco che lo rendenva così ridente ed oriìginale. Magliano ha la Chiesa parrocchiale ed altre 5 Chiese. Fuori le mura vi è il convento dei padri domenicani. Fra Magliano e Rosciolo il Convento di San Martino abitato dai francescani ( da una cronaca su un giornale dell'epoca)

  

1905

I contadini ridotti allo stremo anche dagli iniqui contratti di mezzadria, che li legano ai pochi proprietari della maggior parte del territorio comunale,  minacciano di emigrare in massa in America . 

  
 

Nasce la lega Contadina che   rimarrà in vita fino all'avvento del fascismo che la scioglierà.

 

Si costituisce il Consorzio di bonifica fra Magliano e Scurcola

  
 

Si organizza  il comitato Pro-Calabria colpita dal terremoto. Ne fanno parte Luigi Notar D'ALESSANDRO, Cav. Giovambattista SCIPIONI, Abate DEL MANZO, Luigi PIETROBATTISTA, Raimondo DI CLEMENTE, P. MICANGELI, Dott. DE MENA - raccolte Lire 702,35

  

1906

16 Novembre 1906: Matrimonio fra la nobile Signorina Teresa dei Baroni  Masciarelli col Marchese Stanislao Ferrari .   Da un articolo di un quotidiano dell'epoca  a firma di Giusti leggiamo: "La squisita cortesia dei Baroni Masciarelli , il bellissimo appartamento dell'antico palazzo la viva e spontanea manifestazione popolare ,tutto concorse alla riuscita  della festa nuziale. La sposa nella sua eleganza, malgrado l'emozione del momento , ebbe per tutti un sorriso ed una parola gentile. Dopo la Galleria  che immette nella lunga fila di immense sale, tutte splendide d'oro, dalle pitture svariate, ornate di serici damaschi e di quadri di alto valore, in un elegante salotto tra il profumo delle coirbeilles fiorite, facevano bella mostra gli artistici, ricchi ed eleganti doni, quasi ad attestare la stima universale che circonda gli sposi"  FOTO

  
 

Antonio ANSELMI ,Sindaco, dal 1906 al 1908.

  

1907

 
  

1908

Prendono il via due importanti industrie. Lo stabilimento laterizi (foto) e il pastificio. Il primo è fondato dal cavalier Gregorio Masciarelli, l'altro da Giuseppe Anselmi. Le due industrie offrono lavoro a un buon numero di lavoratori

  
  

1909

Magliano ha la sua prima illuminazione elettrica che sostituisce le vecchie lampade ad olio.

"Ai primi del ‘900 l’installazione dell’illuminazione pubblica destò la curiosità di tutti i paesani, che seguivano interessati i lavori di applicazione ai muri dei bracci di ferro con piatti e lampadine. Gli operai avevano spiegato agli astanti increduli che quelle palline di vetro, di notte, avrebbero illuminato le vie.
Quando per la prima volta le lampadine rischiararono il paese, lo stupore si dipinse sui volti di tutti e le vecchiette, facendo capolino dall’interno delle porte, si facevano il segno della croce con la mano sinistra e richiudevano in fretta gli usci, perché erano convinte che quella luce senza fiamma fosse un’invenzione del diavolo." (Da un racconto del Prof. Pietro Luce)

  
 

In Largo Cavour, fuori la porta,  apre l’Emporio di  Giuseppe Gentile. Qui è possibile acquistare di tutto : generi alimentari, saponi, stoffe, bottoni, utensili vari, un vero supermercato. Un evento commerciale accolto da  un grande entusiasmo popolare e  dal suono della banda.

                                                                                                    (vedi foto)        (leggi)   

  

1910

Telefono a Magliano: un giornale dell'epoca  riporta "Si ringrazia il Sindaco Nicola COLABIANCHI che ottiene l'impianto di una linea telefonica  Magliano - Rosciolo. Sia esso di stimolo a quei comuni del circondario di Aquila che non hanno risposto all'appello rivolto dalla Camera di Commercio per la costruzione di linee telefoniche urbane"

  
 

Dal 1910 al 1914 L'Avv Giuseppe DI CLEMENTE è il Sindaco del ns paese "ricco di cuore e di censo"lo definì Nicola Marcone nel suo libro "Viaggio al lago dei Marsi e suoi d'intorni.

  

1911

 
  

1912

Termina il suo servizio quale parroco di Santa Lucia Don Vincenzo Del Manso e subentra quale economo curato Don Angelo D'ALESSANDRO

  

1913

 5 Ottobre - Medaglia d'argento al valor militare a Giuseppe Gentile di Francesco

  
 

Si affitta per un anno e più la fornace Hoffmann in Magliano Dei Marsi- dal quotidiano "Il Velino"

  
 

22 Ottobre -" La lega dei Contadini fondata dal socialista Vidimari riuntasi  in solenne assemblea compie un atto di deferenza verso S.E. il Principe Torlonia , dichiarando a mezzo dei suoi amministratori  di prendere indirizzo monarchico conforme alle tradizioni storiche del popolo maglianese" da cronaca di un giornale dell'epoca 

  

1914

Don Vincenzo Giusti è parroco di Magliano fino al 1921.

  

1915

La mattina del  13 gennaio 1915  (Mercoledì), l’orologio sulla sommità della facciata del Chiesa di Santa Lucia segna le ore 7,56: la terra trema di nuovo dopo 11 anni dal sisma del 1904 provocando un altro e più disastroso terrremoto     FOTO - Stampe del Prof.G. Di Girolamo

  
 

Sotto le macerie del terremoto muore il pittore Vincenzo CIANCIARELLI

  
 

Muoiono  n. 821 abitanti su una popolazione di 2450 persone , pari al 33 % della stessa. Ad Avezzano  addirittura 10.719 abitanti su 13.719 pari all'82% della popolazione.

  
 

Nella mattina del 15 i deputati Bissolati,Comandini ,Vignolo e Ruini iniziano da Magliano il loro giro tra i paesi della Marsica  più danneggiati dal violento sisma. 

  
 

Lunedì 18 gennaio il Re visita il nostro paese con il Ministro Ciuffelli .

  
 Il Maglianese Tommaso Di Lorenzo, direttore della Regia Calcografia e l'ideatore del campanile di Santa Lucia, incide il prototipo delle banconote di Lire 50 della Banca D'Italia     foto
  

1916

 
  

1917

"Iniziano  i lavori per la bonifica dei piani palentini  ad opera del Consorzio di bonifica Magliano-Scurcola  con l'impiego dei prigionieri austriaci. Proseguiranno  negli anni successivi sino al completamento in epoca fascista. Le opere funzionernno  bene fino alla II guerra Mondiale. Non si verificano  più le piene, si dissodano  quasi tutti i prati naturali e si assite ad un notevole incremento della produzione agricola"

( G. Di Girolamo)

  

1918

 
  

1919

Baruffa contadina nella Valle della Maddalena tra allevatori di Sant'Anatolia ed il Barone Masciarelli. (Leggi)
  

1920

Eletto Sindaco l'insegnate Felice  CIANCIARELLI. Ricoprirà la carica fino al 1922

  

1921

A Don Vincenzo Giusti nella parrocchia di Santa Lucia subentrano Don Ferdinando PETRICCA e Don Giovani CIANCIARELLI economi curati, fino al 1923.

  

1922

Muore a Roma l'incisore Tommaso DI LORENZO nato a Magliano il 19 Ottobre del 1841
  
 

 

  

1923

Prende possesso della Chiesa di Santa Lucia Don Luigi Moro, di Ortona Dei Marsi.  “Uomo di eccezionale bontà”, lo definiva Mons. Domenico Bagnoli. Don Luigi Moro sarà parroco di Magliano fino al 1934

 

  

1924

 
  

1925

 
  

1926

Dopo alcuni commissari prefettizi, fu nominato nel giugno del 1926 il primo podestà nella persona di Alfredo Tomassetti.

  
 

Si costruisce il nuovo edificio delle Scuole Elementari, successivamente allargato nel '49.

  
 

Dopo un periodo di crisi, iniziato i primi anni del secolo a causa della forte  emigrazione nelle Americhe da parte di tanti nostri concittadini  ed il terremoto del 1915, la Banda cittadina riprende la sua attività  e nel mese di giugno suona durante la cerimonia di inaugurazione  della Banca Marsicana  entusiasmando la popolazione suonando  l’inno Fascista. Della banda  facevano parte Arcangelo Rossi  (Basso  Tuba) Vincenzo Fallocco ( Bombardino) Bonchetta , al secolo  Vincenzo Morgante, (Clarinetto) Luciano Dionisi (Tromba D’Accompagnamento) Pierino Morgante (cassa). Due giovani iniziavano la loro attività musicale: Tonino Morante “ La Ditta” e Pericle Dionisi.

1927

 
  

1928

La banda cittadina viene affidata alla direzione del Maestro Nicola Giusti, da parte di un comitato presieduto da “JO PINGARO” al secolo Giuseppe Santoponte. Questi era un vero artista di fuochi d’artificio e, dotato di una potente voce baritonale, animava le funzioni religiose più importanti. (Da ”I ricordi di Guido Amiconi”)

 
  

1929

Magliano ha il suo nuovo Municipio. E' opera dell'Ing. Francesco Pietrangeli.  (foto)

  
 

Ad  Alfredo Tomassetti succede nella carica di Podestà  Vincenzo PIETRANGELI.

  
 

La banda cittadina, diretta dal M° Nicola Giusti  ha l’onore di suonare al cospetto del Re Vittorio Emanuele Terzo in Piazza Duomo a L’Aquila in occasione dell’inaugurazione della Camera di Commercio.

 

  

1930

Mons. Domenico SCIPIONI pubblica "Le Feste di S. Antonio e del 20 Ottobre in Magliano Dei Marsi"

  
 

A ricordo delle Sante Missioni che si svolgono nella Chiesa di San Domenico, ( la Chiesa di Santa Lucia è ancora un rudere per i postumi del terremoto)   mentre è parroco Don Luigi Moro, nel colle a margine della vicina aia,  viene innalzata la Croce in ferro,  realizzata dal fabbro Antonio AMICONI, detto “Ciabbafono”.

Le precedenti Missioni che si ricordano a Magliano sono quella del 1850 e del 1881. In quella del 1850,   si decise di  ampliare  la Chiesa di Santa Lucia, ampliamento che fu realizzato su progetto dell’architetto Rosario Baldi.

Nella missione del 1881, si decise la costruzione del campanile su progetto di Tommaso Di Lorenzo.

 
  
 

Il maestro Nicola Giusti lascia la direzione artistica della Banda  e subentra il Capobanda Vincenzo Morgante ( Bonchetta).

 

 

1931

Piazza Littorio (oggi Piazza della Repubblica) da: "I Ricordi" di Guido Amiconi (leggi)
  

1932

"In memoria dei suoi Caduti Magliano non innalzerà uno dei soliti monumenti che ornano le piazze d'Italia, ma un Tempio Votivo. Sulle rovine della chiesa già di San Rocco e dedicata al Nome di Maria, fu innalzato a spese cittadine un nuovo edificio quale voto di amore e di riconoscenza di Magliano ai suoi figli caduti da eroi sui campi di battaglia per l'onore della Patria." ( Giuseppe Di Girolamo)  (foto)

 

Mons. Domenico Scipioni pubblica "Il Camposanto di Magliano Dei Marsi"- Tip. Commerciale Nuova Vecchioni     FOTO

  
 

La Chiesa dedicata ai caduti  viene inaugurata con solenne cerimonia il 20 ottobre alla presenza di tutto il popolo e di numerose personalità.

  
 

Non bastando i tristi eventi del terremoto e della guerra viene ad aggiungersi una grave epidemia , la Spagnola, che miete altre vittime.

  

1933

Si intraprendono i lavori per la ricostruzione della Chiesa di Santa Lucia , distrutta dal terremoto del 1915  (foto)

  
 

La Cassa di Risparmio della Provincia del'Aquila apre una sua agenzia nel ns paese.

  

1934

In una fredda sera di Dicembre nella chiesetta di S. Maria Di Loreto inizia il suo lungo servizio presso la nostra Comunità un giovane sacerdote, nativo della vicina Scurcola : Don Augusto ORLANDI.

 

In piazza della Repubblica,   nei locali del palazzo Cianciarelli, apre il CAFFE’ VELINO  o meglio “DE NINELLA”  di DEL MANZO VINCENZO (“Cucuriglio”). Il bar avviato qualche anno addietro da “Angelina”,  era inizialmente ubicato nel vicino  fabbricato Anselmi dove oggi insiste  la Macelleria.  

  
 

Mons. Domenico Scipioni pubblica " Filippo Guadagnoli"

  
 

Nel mese di Agosto  iniziano i lavori per ricostruire la Chiesa di Santa Lucia, distrutta dal terremoto del 1915. “ La letizia e la commozione pervase gli animi dei maglianesi” scriveva Mons. Scipioni..

  
 Cambio di gestione per il forno situato ancora tra le macerie del terremoto , nel "giro di tornoterra "dove insisteva la vecchia di torre Di Cola cosi detta " Dei Padellari", andata distrutta nel terremoto del 1904. I nuovi  fornai sono Raimondo Di Lorenzo e la sua famiglia.
 
  

1935

L'Asilo Infantile , affidato alle suore del Preziosissimo Sangue, istituito nel 1883 dal Cav Gregorio Masciarelli, dall'alloggio provvisorio costruito dopo il terremoto  con fondi del Comune di Venezia si trasferisce nell'attuale  edificio. 

  
 

Si costruisce un nuovo acquedotto. L'Acqua viene attinta dalla sorgente Riosonno nei pressi di Castellafiume

  
 

Mons. Domencio SCIPIONI pubblica "Brevi notizie storico-artistiche della Chiesa di Santa Lucia  in Magliano Dei Marsi." Roma 1935      FOTO

  

1936

"La ricostruita Chiesa di Santa Lucia riapre al culto . Era il 20 Dicembre . La voce delle campane del suo campanile riprese ad echeggiare nell'ampia Piana dei palentini"( Giuseppe Di Girolamo)

  
 

Dal 23 Gennaio al 2 Febbraio si svolgono le Sante missioni , mentre è parroco Don Augusto Orlandi . La Chiesa di Santa Maria di Loreto,  che funge da parrocchia, non permette funzioni con tanti fedeli pertanto le missioni si svolgono nella Chiesa di San Domenico.

A ricordo si innalza la Croce, all’ingresso del paese, su Via Scurcola.

 
 I signori Americo Di Felice e sua moglie IDA aprono la Cartoleria - Libreria  in Via Cicolana, soprattutto a servizio delle esigenze dei bambini che frequentano la scuola Elementare, il cui edificio fu terminato di costruire 10 anni prima, nel 1926.
  

1937

Tito Gentile possiede la prima radio nel paese. Questa scatola parlante e che trasmette musica cattura l'attenzione di tutti. E' sua l'iniziativa di portare nella scuola elementare questo magnifico strumento per farlo ascoltare di tanto in tanto ai bambini che si riuniscono  nel corridoio  dell'edificio scolastico. 

  
 

Ci si prepara, verso la fine del 1937, all’inaugurazione della ricostruita chiesa parrocchiale . Don Augusto Orlandi  intende collocare nella Chiesa di Santa Lucia il coro ligneo che giace fra i ruderi della Chiesa di San Martino, distrutta dal terremoto del 1915. Ma viene ostacolato dal Vescovo Mons. Bagnoli il quale ritiene che il suddetto coro debba andare ad impreziosire la costruenda Cattedrale dei Marsi.

Si vivono  momenti di particolare tensione tra la popolazione e la curia, ma  la determinazione dei maglianesi e del suo parroco hanno la meglio sul volere del Vescovo.

 
  

1938

Si costruisce  la Casa Parrocchiale.
  

1939

La produzione del vino accusa un colpo mortale. La filossera, malattia che colpisce la vite, distrugge quasi totalmente le vigne fiorenti nelle zone di Cotecorno, Colle Lucciano, Marciano,  Valle Mena, Pascolano, Forche.

  

1940

 
  

1941

 
  

1942

Don Augusto Orlandi  pubblica, con cadenza periodica, il Bollettino Parrocchiale. Nel Bollettino dell’ 8 febbraio   scrive ai giovani  maglianesi,  partiti per la guerra: “Non potendo seguirvi nelle vostre destinazioni, per ragioni del mio ministero, farò il vostro cappellano per lo meno così: seguendovi dalle colonne di questo umile foglio”

  

1943

Il 25 luglio del 43 Cade Mussolini. L’Italia vuole uscire dalla guerra ma è troppo tardi.  I Tedeschi da alleati divengono conquistatori e occupano gran parte dell’Italia. Anche  Magliano è  sotto il loro dominio e numerosi sono i soldati tedeschi che vi stanziano.
 

  

1944

"I preparativi di difesa che i Tedeschi stavano approntando nel nostro territorio nei primi mesi del 1944 non lasciavano sperare nulla di buono. Le piazzole per istallarvi pezzi di artiglieria, che si stavano realizzando sui monti la Costantina e Carce, che delimitano la stretta Valle del Salto, la costruzione del grande vallo minato nella valle medesima, nel territorio cosiddetto delle Macchie, erano indizi certi che i Tedeschi prevedevano che una volta rotta la loro difesa di Cassino, gli eserciti alleati li avrebbero inseguiti attraverso la Valle Roveto."( Giuseppe Di Girolamo)

  
 

Mese di Febbraio. Un soldato tedesco si introduce  in una abitazione  per  fare violenza e  viene ucciso.  Si teme la reazioni dei tedeschi e l’applicazione della legge di guerra: per ogni tedesco ucciso,  la fucilazione di dieci italiani ed in questo caso maglianesi. Tutto questo viene scongiurato grazie a chi ha avuto il coraggio di autodenunciarsi e perchè le autorità tedesche  hanno ritenuto  che   il soldato, recidivo, abbia agito  in stato di ubriachezza.

Circa  15  giovani tentano di  impossessarsi di alcune armi tedesche nascoste nella proprietà Di Lorenzo. Vengono scoperti. Si teme la loro fucilazione. Grazie all’intervento del parroco e di persone in buoni rapporti con i comandi tedeschi, essi  vengono  rilasciati dopo essere stati adibiti al ricavo di un campo di patate.

Un uomo cerca di riprendersi, dai tedeschi, delle mucche che questi gli rubano nella propria  stalla. Nel tentativo di riavere il suo bestiame viene barbaramente ucciso.

 

 

"Il giorno 12 maggio del 1944 un nugolo di fortezze volanti si presentò minaccioso e terrificante nel cielo di Magliano. L'obiettivo non era questo paese, bensì quello vicino di Massa D'Albe, sede del Comando di Corpo d'Armata  che operava a Cassino". (Giuseppe Di Girolamo) Massa viene letteralmente distrutta dalle bombe a seguito di due raid aerei. Molti dei suoi abitanti muoiono insieme a svariati tedeschi.

  
 

"La notte fra il 10 e l'11 giugno 1944 fu notte di terrore e di angoscia. I bagliori dell'incendio della fornace provocato dai Tedeschi,  illuminarono sinistramente le tenebre...........i ruderi dello storico mulino che fu già patrimonio fin dall’anno mille dei monaci di Santa Maria in Valle e che ancora oggi si scorgono in località Terramora, sono muta testimonianza di quella terribile notte. Da allora per sempre tacque la voce stridula delle macine ruotanti. "( Giuseppe Di Girolamo)

  
 

Nominato Sindaco l'insegnate Mario SANTOPONTE,  presiede una Giunta formata da rappresentanti di schieramenti politici antifascisti

  

1945

 
  

1946

Livio e Noè Scipioni organizzano il primo trasporto pubblico , acquistando una vecchia corriera di n. 25 posti , datata 1914. Il primo servizio che i nostri concittadini offrono alla popolazione è il collegamento Magliano - Stazione di Cappelle. Negli anni successivi acquisteranno altri mezzi , più moderni e capienti, creando collegamenti tra tutti i paesi del circondario Avezzano , Massa D’Albe , Scurcola Marsicano , Tagliacozzo, Sante Marie. L’attività dei Fratelli Scipioni terminerà nei primi anni ’70, quando verrà ceduta alla ditta Pierbattista di Avezzano. (leggi) (foto)

  

1947

Padre Francesco LOLLI , da poco venuto a svolgere la sua missione sacerdotale presso il Convento di San Domenico da vita alla prima Corale polifonica-folcloristica (foto)

  
 

Il 26 novembre Edgard Leibfried  seminarista del Collegio Germanico Ungarico di Roma,  nato a Vianden in Lussemburgo il 31/3/1926,   perde la vita sul M. Velino. Verrà ritrovato il 26 maggio 1948 da un pastore di Rosciolo.   (leggi) FOTO 

  

1948

In questi anni, tra la fine della guerra ed il 1950 apre "sopra Magliano", nel " giro di tornaterra",  il Cinema EDEN, per iniziativa di Tito GENTILE.   I maglianesi e gli abitanti dei paesi limitrofi possono finalmente trascorrere la domenica pomeriggio al cinema.  Una vera novità per quegli anni. Resterà aperto fino agli anni '70. Il locale prima di allora era una chiesa privata, detta "chiesola". Il bellissimo Crocifisso  oggi posto  sull'altare della Chiesa di Santa Lucia proviene proprio da quella che era la  "chiesola" e fu donato dalla Famiglia De Mena alla parrocchia. Per molti anni rimase nella Chiesa oggi dedicata ai caduti di tutte le guerre.

  
 

A ricordo delle Sante Missioni viene posta la Croce in ferro all’ingresso del paese in Via Avezzano.

  

1949

 
  

1950

 
  

1951

Il Ministero della Pubblica Istruzione apre la Scuola di Avviamento Professionale  a tipo Agrario

 La chiesa di Santa Lucia viene dotata di un bellissimo organo a canne, opera della ditta Pinchi di Foligno.
  
 

E'  eletto sindaco l'insegnante Felice Cianciarelli che già aveva rivestita la stessa carica dal 1920 al 1922.

  
 A ricordo della Sante Missioni viene innalzato il Crocifisso in Via Cicolana dove inizia la strada per Rosciolo.
  

1952

Viene istituita la Scuola Media come scuola d'avviamento

  

1953

La Ditta Maurizi e Rossi impianta una fabbrica di gassose

  

1954

Si costituisce l'Associazione Cacciatori ad opera della Federcaccia

  

1955

Dal  19 Novembre 1955 ogni sabato sera, alle ore 21,  la televisione trasmette il programma a quiz “lascia o raddoppia ‘”. La trasmissione è seguita da numerosi  maglianesi presso il Cinema EDEN. Nessuno possiede  il televisore in casa.  La televisione iniziava a trasmettere il 3 Gennaio del 1954 alle ore 11.

  

1956

Nel mese di Febbraio una eccezionale nevicata interessa la nostra Marsica . Anche Magliano resta  sotto una coltre di neve che impedisce ai nostri concittadini persino di uscire di casa.Don Augusto ORLANDI percorre a piedi le strade del nostro paese e con l'aiuto della sua cinepresa documenta l'eccezionale evento  e lo commenta in diretta con la sua voce.  Anche  Fernando GENTILE di Tito Gentile , anche lui in possesso di una cinepresa, non si lascia sfuggire  l'occasione. 

  
 

Il Coro Folkloristico vince ad Avezzano il 2° premio, una medaglia d'oro offerta dall'Ente Fucino, nella "Settimana Marsicana" nell'ambito del concorso cori folcloristici

  

1957

 
  

1958

Lontano dalla patria muore il pittore maglianese Oreste AMICONI che nel 1953 lasciò l'Italia per raggiungere suo figlio in Brasile. Era nato nel  1873 a Magliano in Via Sant'Antonio n.4. Suoi sono i dipinti  Il Battesimo di Cristo che si trova nella Chiesa di san Giovani in Avezzano e La Pietà la pala d'altare che si trova nella Chiesa dedicata ai Caduti, la Madonna di Ripoli della omonima Chiesa di Corona e La Santissima Trinità che fa bella mostra di se nell'abside della Chiesa parrochiale della vicina Massa D'Albe.

  
 

Una grande croce in legno , formata da pesanti travi  di castagno  della demolita Chiesa di Santa Maria Ad Nives , viene trasportata  a spalle sul Ravone .

  

1959

 
  

1960

In occasione delle celebrazioni in onore di Padre Panfilo Pietrobattista da Magliano, si ritiene opportuno abolire l'unica aia rimasta interna al paese, quella antistante il Convento di San Domenico. Al suo posto viene attrezzato , in economia, uno spazio pubblico con la posa in opera di Alberi e sedili in pietra. 

  
 

Si costituisce il gruppo Alpini ad opera di alcuni giovani,  spinti dal desiderio di conservare quello spirito di fratellanza  e di solidarietà sorto in loro , a contatto con le forze primigenie  della natura  e con le rocce dei nostri monti e dal proposito di creare un ponte fra diverse generazioni di Alpini, anche con quelle che hanno vissuto le durezze della guerra . Molte saranno  le iniziative del  gruppo alpini negli anni a venire, a beneficio della società civile. Alla guida del Gruppo Alpini viene eletto Domenico DI BENEDETTO.

  
 

La strada che congiunge Magliano a Scurcola viene asfaltata per la prima volta. Prima  era un strada "bianca".

  

1962

Su iniziativa dell'Amministrazione  capeggiata dal Sindaco  Prof Giuseppe di Girolamo,  si realizza il Belvedere adiacente il piazzale della Chiesa di Santa Lucia, oggi Belvedere Cianciarelli.

  
 

Sul Velino,  nella notte tra l'8 e il 9 Marzo,  precipita un aereo con 5 uomini a bordo. Partito da Kartum sarebbe dovuto atterrare a Ciampino. Squadre di soccorso si  prodigano per raggiungere il luogo del disastro. Tutti i passeggeri muoiono. (leggi)

  
 

Il vecchio e cadente baraccone lungo via Cicolana, nei pressi dell'Asilo Infantile , viene abbattuto ed inizia la costruzione del nuovo edificio delle Poste.

  

1963

Il vecchio Istituto di avviamento Professionale si trasforma in Scuola Media Unificata.

  

1964

 
  

1965

Il gruppo alpini pone sulla vetta del Monte Velino la bellissima Madonnina a protezione dei popoli sottostanti.

  
 Chiude la Fornace Masciarelli
  

1966

Una sessantina di famiglie degli addetti alla produzione dei laterizi , più quelle degli addetti ai trasporti , vivono nell'ansiosa preoccupazione del domani  per la mancata ripresa dell'attività della fornace, dopo oltre mezzo secolo di  attività. .

  

1967

 
  

1968

Vittorio MARCELLI , 24 anni , campione del Mondo di ciclismo in Messico. Il ritorno a Magliano del campione  richiama oltre diecimila persone. L'Entusiasmo è traboccante. (leggi)

 

  
 

Padre Francesco fa riprodurre su disco  una registrazione effettuata presso il convento con  un registratore  a nastri .  In occasione del Natale a tutti i coristi dona una copia del disco,  corredandolo  di un pieghevole in cui è possibile leggere  i nomi dei componenti del coro ed i titoli dei brani eseguiti .

Tra i brani che si possono ascoltare: "Gesù Bambin mi guarda" (ascolta) parole e musica di Padre Francesco Lolli  e "Ninna Nanna" (ascolta) parole e musica di Giuseppe Di Girolamo.

Un regalo, all'epoca,  originale e particolarmente gradito. (leggi)

 

  

1969

Il Sindaco Prof Giuseppe Di Girolamo e l'amministrazione inaugurano  il campo Sportivo alla presenza del Ministro On. Lorenzo NATALI.      FOTO

  
 

15 Settembre
Inaugurazione dell'autostrada che collega il nostro Centro alla Capitale ed al Capoluogo. Magliano viene dotata di uno svincolo bipolare che permette di accedere in autostrada sia in direzione Roma - L'Aquila che direzione Pescara, anche se l'autostrada per ora termina ad Avezzano.
Il risultato è straordinario considerata la vicinanza con la città di Avezzano e le molteplici difficoltà burocratiche che stavano compromettendo la realizzazione dell'opera. La caparbietà, la lungimiranza politica degli amministratori locali, unitamente alla disponibilità dei proprietari dei terreni su cui realizzare lo svincolo i quali hanno autorizzato i lavori ancor prima di vedere concluse le procedure di esproprio, hanno permesso che il tutto diventasse realtà.
L'Aquila e Roma ora sono più vicine!

 

  
 

Muore a Roma il Dr Nicola DI LORENZO  fondatore della"Casa di Cura Chirurgica Di Lorenzo".  Era nato a Magliano il 5.12.1889 da Antonio DI LORENZO e Nazzarena MORGANTE, sposato con Maria MICANGELI. Ebbe cinque figli: Antonio, Gabriella, Carla, Pietro e Rosanna.

  

1970

Si costituisce" il Maglio" associazione culturale di giovani. Molte saranno le iniziative che questo dinamico gruppo  promuoverà almeno nei successivi dieci anni  a Magliano.

  
 

Magliano ha la sua prima struttura alberghiera . I fratelli MORGANTE ( I DRAGUNI) aprono l'Albergo Ristorante "Drago" sul colle di "Cotecorno", ristrutturando un vecchio fabbricato  originariamente di proprietà della famiglia DI CLEMENTE . Il "Casale di Cotecorno" aveva ospitato i frati francescani allorquando il terremoto del 1915 aveva distrutto il Convento e la Chiesa di San Martino , che insistevano dove oggi c'è il camposanto. (foto)

  
 

Il Ministro Remo Gaspari il 13 Settembre  interviene all'inaugurazione della chiesa di Santa Maria ad Nives costruita, sulle rovine della omonima bellissima chiesa distrutta  dal terremoto del 1915, su progetto del'architetto Angelini. . La  Chiesa è stata inaugurata dal Vescovo Mons. Domenico Valeri alla presenza di numerosi concittadini, di diverse autorità e del Sindaco Giuseppe Di Girolamo. La bellissima giornata è stata organizzata dal parroco Don Augusto Orlandi.
 

  

1971

IL Prof. Pietro LUCE eletto Sindaco di Magliano, all'unanimità nella seduta del Consiglio Comunale di giovedi 6 Maggio.

  

1972

In questi anni "Caricò" titolare della omonima cantina "'ngima magliano" "ajo giro di tornaterra" ,  che per tanti anni aveva rallegrato le serate di tanti maglianesi grazie all' ottimo vino, cede  la sua attività in quanto non gode più di buona salute. Il caratteristico locale  provvisto di un bellissimo pergolato era conosciuto in tutta la marsica .  

  

1973

Muore Don Augusto Orlandi , dal 1934 parroco della Chiesa di Santa Lucia.  Colpito da emorragia cerebrale sull'autostrada, nei pressi di Roviano, rimane quasi 5 ore senza soccorso e muore nella serata  del 3 Gennaio presso l'Ospedale di Tagliacozzo. Era nato a Scurcola nel 1908.

  
 

Alla morte di Don Augusto Orlandi la parrocchia viene affidata in via temporanea a Don Vincenzo ANGELONI, economo curato.

  
 

Il Vescovo dei Marsi, Mons Domenico Valeri affida la Parrocchia di Santa Lucia a Don Antonio Rosa.

  

1974

Don Antonio ROSA cura la pubblicazione di un libro di poesie del compianto Don Augusto ORLANDI. Il libro esce  nel mese di gennaio, in occasione della ricorrenza del primo  anno dalla morte del parroco.

  
 

Il 17 AGOSTO , presso il cortile della casa parrocchiale i giovani del "Maglio" mettono in scena "La tragedia del castello di Carce" autore e regista Giuseppe Di Girolamo.

  
 

Magliano, durante l'estate ,  è scossa dal dilagare di  una epidemia di tifo. I casi sono tanti, troppi per una popolazione delle dimensioni del nostro paese . La inesorabile causa dell'inquinamento  è la rottura di una fogna che sovrasta la sorgente della "Formella II".

  
 

Magliano è preoccupata per la salute pubblica anche per via delle numerose cave, di nuova apertura, dove si producono anche conglomerati bituminosi. Gravissimi danni si evidenziano  nelle campagne. Una aspra polemica divampa per il paese. I giornali locali danno ampio spazio, per diversi giorni, all'argomento. 

  
 

La grande croce di legno collocata sul Ravone nel 1958 viene divelta da un violento uragano che si abbatte nelle nostre contrade nella notte di San Silvestro.

  

1975

La banda musicale "Città di Magliano" muove i primi passi per iniziativa  del parroco Don Antonio ROSA, in occasione della processione del Venerdì Santo. Capobanda è Pericle DIONISI che da giovane aveva suonato con la vecchia banda  che da oltre un quarto di secolo aveva cessato la sua attività.

“Convocai alcuni appassionati e proposi di ricostituire il complesso bandistico. L’idea fu accettata con entusiasmo, ma mancavano gli strumenti. Si seppe che un vecchio capobanda  di Luco, un certo Ciaffone, avrebbe venduto alcuni strumenti usati. Insieme a Pericle Dionisi, al prof. Giuseppe Di Girolamo, Fernando Morgante (il Barbiere) e Peppino Morgante ( bardisse) si andò a Luco e si acquistarono un flicorno baritono, un basso tuba in fa e qualche clarinetto. Il più era fatto e iniziarono  le lezioni” Testimonianza orale di Don Antonio Rosa raccolta dal Prof Gianluca Tarquinio. 

  
 

I nati nel 1925 organizzano la prima festa dei cinquantenni. Da allora a Magliano e in tutta la marsica è prevalsa tale usanza. 

  
 

In occasione delle missioni,  sul Ravone, dove  sorgeva la vecchia croce in legno abbattuta dall'uragano durante la notte di San Silvestro del 1974, viene collocata una croce di metallo. 

  
 

Sante Missioni , dall’8 al 23 Gennaio. Parroco Don Antonio Rosa.  A ricordo si innalza, nel Belvedere Cianciarelli , un significativo monumento ideato da Teodoro MACIOCI e realizzato da Vincenti DI BERARDINO. I tre cerchi stanno a simboleggiare  il mistero Trinitario, la Croce  il segno della Redenzione, il Pesce  il Cristo, Figlio di Dio.  

  

1976

Si ricorda con solenni celebrazioni la figura di Padre PANFILO PIETROBATTISTA a 100 anni dalla morte 

  

1977

Don Antonio SCIARRA  inizia il suo servizio  pastorale  nella Parrocchia di Santa Lucia 

  
 

La banda si dota di uno statuto. I soci fondatori sono:  ......                           Il suo primo presidente è Angelo GENTILE

  

1978

 L'Amministrazione Comunale conferisce la cittadinanza onoraria allo scrittore Mario POMILIO la cui madre era maglianese.      FOTO

  
 

Paolo Fiorani, storico maglianese, pubblica"Una Città Romana - Magliano Dei Marsi dalle origini al medioevo" Edizioni Wage      FOTO

 

 Il Comune e la Parrocchia promuovono un gemellaggio con Magredis , uno dei paesi maggiormente colpiti dal terremoto che sconvolge il Friuli il 6 Maggio 1976. Una nutrita delegazione accompagnata dal Vice- Sindaco Prof. Carlo PIETROBATTISTA  e dalla neo costituita Banda si reca in quella sfortunata regione.. 

  
 

Chiude il pastificio "TRE SPIGHE"

  

1979

Si innalza sul Ravone  la Chiesetta degli Alpini su progetto dello scenografo Tommaso PASSALACQUA. La stessa  , durante il mese di maggio di ogni anno,  sarà meta di numerosi pellegrini.

  

1980

Il Prof. Giuseppe MORGANTE, capolista della " Monte Velino" è il nuovo Sindaco di Magliano.  Subentra al Prof. Giuseppe DI GIROLAMO. Nuovo segretario della sezione P.C.I. di Magliano è il Sig. Antonio MORGANTE, che succede a Franz SCAFATI.

  

1981

Lungo la stradetta che porta al Ravone il Gruppo ALPINI erige delle edicole con le immagini dei Misteri del Rosario.Sono state   ideate e realizzate su lastre di granito nero da Giuseppe DI GIROLAMO

  
 

Un gruppo di appassionati della montagna costituisce il GEV ( Gruppo Escursionisti del Velino) Achille FONTANI è il primo presidente del gruppo e lo sarà  fino all'anno 2006.

  

1982

Il GEV (Gruppo Escursionisti del Velino) promuove la prima Fiaccolata di Santo Stefano,  il 26 Dicembre,  con  meta Grotta di San Benedetto.

  
 La strada che si inerpica verso il  Ravone  , percorsa da numerosi pellegrini per raggiungere quello che ormai è divenuto un luogo di culto Mariano, con la costruzione della chiesetta degli alpini e l’innalzamento della grande  Croce, si arricchisce, per opera del gruppo alpini,   di 15 edicole con immagini sacre.,  incise su granito dal maglianese Giuseppe Di Girolamo.
  

1983

Domenica 2 ottobre, inaugurazione del  rifugio "CAPANNA DI SEVICE", costruito ad opera del  GEV  e dall'ANA.

  
 

Giuseppe Di Girolamo pubblica un opuscolo sulla festa del XX Ottobre "Storia e significato di una festa "

  
 

Il Prof. Angelo MELCHIORRE,   noto   studioso di storia e tradizioni abruzzesi, nel suo viaggio tra i centri culturali d'Abruzzo fa tappa a Magliano. Rimane favorevolmente colpito nel visitare le ben due biblioteche esistenti nel comune: quella comunale e quella del convento dei francescani. Definisce l'evento "raro privilegio!" Nella Biblioteca dei Francescani rileva la presenza di oltre 5.500 volumi tra narrativa , storia , filosofia, archeologia e........fantascienza.  La definisce  "un vero vanto per Magliano". La biblioteca del Convento   è stata fondata circa 6 anni fa da PADRE FRANCESCO LOLLI. Dopo la morte di Padre Francesco tutti i libri, contro la volontà dei maglianesi, verranno trasferiti nella biblioteca del Convento "Valle Verde" di Celano.

  

1984

Magliano ha finalmente un Vescovo: Mons. Antonio Santucci.

  
 

Il giorno 13 dicembre, rinasce, dopo secoli di declino e prima in Abruzzo, la  Confraternita di Misericordia.

La Misericordia di Magliano risale, storicamente, al lontano 2 settembre 1457 quando fu costituita sotto il pontificato di Callisto III, con bolla di approvazione del Vescovo dei Marsi mons. Angelo Maccafani.
Il 26 Ottobre 1606, dopo un periodo di inattività, venne ricostituita, ad opera del Cardinale Odoardo Farnesius, con bolla del Papa Clemente Ottavo. (Primi sette anni di vita)

 

  

1985

Si costituisce il Comitato Solidarietà Africa per impulso del parroco Sciarra e del Prof. Roberto BIANCHINI

  
 

25 Marzo: Il Papa, Giovanni Paolo II,  visita la Marsica per la prima volta.  Il Santo Padre, con l’elicottero, sorvola il nostro paese. Sono tanti coloro che si danno appuntamento nei campi Palentini  per invitarlo a sostare.  Il Papa volutamente si porta su di noi ed avvicinandosi  al finestrino impartisce la sua benedizione. Tutti hanno modo di vederlo.             (leggi)

 
  
 Chiude la cereria Cianciarelli
  

1986

Il Papa Giovanni Paolo II benedice, in Piazza San Pietro, il 9 Aprile 1986,  la Sacra Immagine della Madonna del Ravone , opera di Giuseppe DI GIROLAMO       FOTO

  

 

 
  

1987

Il Prof. Pietro Luce pubblica un libro di novelle maglianesi "Il LAMPIONE ANTICO"

  
 Chiude il Pastificio Anselmi
  
 

Il Prof. Giuseppe Di Girolamo pubblica "La Chiesa di Santa Lucia in Magliano Dei Marsi"      FOTO

  

1988

Pubblicazione del Libro fotografico "CHIESA DI SANTA LUCIA" gli autori sono Renato CUCCHIARELLI. Luigi D'ALESSANDRO, Alessandro MASCIARELLI, Costante PAOLUZZI.- Prefazione di Mario POMILIO e presentazione di Renzo MANCINI, sovrintendente Regione Abruzzo.

  

1989

La scrittrice Dacia MARAINI è a Magliano" il giorno delle mimose" per celebrare solennemente la festa della Donna, invitata dalla Prof.ssa Virginia CIANCIARELLI , assessore alla cultura.

  

1990

Lunedi 4 Giugno , alle ore 18,30 , il giovane Virginio SCAFATI, 32 anni,  viene eletto Sindaco di Magliano. Succede al Prof. Giuseppe Morgante

  

1991

 
  

1992

Sabato 24 Ottobre, Mons. Armando DINI, Vescovo Dei Marsi,  insedia il nuovo parroco. Si tratta di  Mons.     Domenico    RAMELLI  ex Rettore del Seminario Regionale di CHIETI.

  

1993

Giuseppe Di Girolamo pubblica "Un Popolo in cammino - la parrocchia di santa Lucia dal 1978 al 1992"

  

1994

Giuseppe Di Girolamo cura la ristampa dell'opuscolo "Comuneide" scritto e pubblicato nel 1902 da Vincenzo Amicucci.

Pubblica inoltre un opuscolo intitolato "Suor Teresa Lattanzi - Una vita al servizio della Comunità"      FOTO

  
 

Si vive una bellissima giornata in Via Pascolano all'insegna delll'ecologia : viene messo a dimora un albero per ogni nato nell'anno 2004  e viene posta la prima pietra per la  costruenda Caserma della Forestale e per il Centro Visita; dall'Amm.ne Comunale viene conferita una medaglia d'oro al Corpo Forestale dello Stato per la sensiblità dimostrata, tramite il loro Dirigente Dottor ALESSANDRINI, alla nostra comunità.

  

1995

L'Amministrazione comunale da alle stampe un opuscolo di Giuseppe Di Girolamo"Il gioco del cacio, un tuffo nel passato" testo per un documentario televisivo.

  

1996

Giuseppe Di Girolamo pubblica "La Banda Musicale di Magliano dei Marsi"          FOTO
  
 Chiude l’attività di vendita di scarpe Amiconi Roberto
  

1997

Giuseppe Di Girolamo pubblica "Berardo Amiconi e altri artisti di Magliano Dei Marsi"     FOTO

  
 

Muore la Maestra Laura, figura esemplare della nostra Comunità. Mons Santucci, nostro concittadino e Vescovo di Trivento la ricorda nel Bollettino Parrocchiale “ Il Rosone”- 1997      LEGGI

  

1998

Il 10 Ottobre muore Padre Francesco Lolli e con lui si chiude una pagina importante della storia della nostra Comunità.      LEGGI

  

1999

 
  

2000

La Biblioteca Comunale in collaborazione con l'Associazione Culturale Ricreativa per Anziani pubblica il primo Dizionario Maglianese- Italiano.     FOTO

  
 

Don Vincenzo ANGELONI pubblica "Santa Maria in Valle Porclaneta"        FOTO

  
 

Il 1 Ottobre Papa Giovanni Paolo II canonizza Padre Cesidio da Fossa,  vittima e martire  della persecuzione cinese del XX secolo  contro la cristianità. Il Beato Cesidio, al secolo Angelo Giacomantonio, era un frate dell’ordine dei Frati Minori. Egli  nacque a Fossa, un paesino vicino L’Aquila,  il 30 Agosto 1873  ed iniziava la Professione  nel 1892.  Dopo gli studi teologici e di formazione fece la sua esperienza di noviziato presso il nostro Convento di San Martino che si trovava  dove oggi c’è il cimitero, poi distrutto dal terremoto del 1915. Il Convento di San Martino di Magliano era un centro importante per la formazione religiosa dei farti minori dell’epoca.  Durante il periodo di noviziato Padre Cesidio maturò la sua vocazione missionaria che lo portò nella lontana Cina. Fu lapidato, avvolto in un telo imbevuto di benzina ed arso vivo mentre tentava di proteggere il Santissimo Sacramento.    FOTO    San Cesidio nel ricordo di Padre Iginio Taglione 

2001

 
  

2002

 
  

2003

 
  

2004

Gianfranco IACOBONI, già assessore provinciale,  è il nuovo Sindaco. Succede a Maurizio CANNIZZARO.
  

2005

Il giorno 19 Aprile si costituisce l'"Associazione Corale Padre Francesco Lolli".         FOTO

  
 

La Banda "Città di Magliano" diretta dal Maestro Giustino ROSSI ottiene il 4° posto nella competizione internazionale svolta a Malgrat De Mar( Barcellona - Spagna)                         FOTO

  

2006

La banda "Città di Magliano " festeggia 30 anni di attività il 23 Agosto.         FOTO

  

2007

 
  

2008

L'America festeggiaPadre Panfilo Pietrobattista  in occasione del 150° anniversario della fondazione dell'università di San Bonaventura     (leggi)

  
 

29 ottobre - Inaugurata la Sala Consiliare Ristrutturata

Conferita la Cittadinanza Onoraria al Rettore dell'Università dell'Aquila Ferdinando Di Orio

 
  
2009Don Antonio Rosa già parroco di Magliano dal  1973 al   1978  ci ha lasciato  (Leggi)
  
 

20 marzo - Conferita la Cittadinanza onoraria a S.E. Dott. Aurelio Cozzani - Prefetto dell'Aquila (foto) 

  
2015Le Suore del Preziosissimo Sangue lasciano Magliano dopo 123 anni (leggi)